Ci sono effetti collaterali alla masturbazione?

La masturbazione è innocua. Alcune persone possono sperimentare sfregamenti o pelle tenera se sono troppo ruvide, ma questo di solito guarirà in pochi giorni.

Se gli uomini si masturbano frequentemente in un breve lasso di tempo, possono sperimentare un leggero gonfiore del pene chiamato edema. Questo gonfiore di solito scompare entro un paio di giorni.

Altri potenziali effetti collaterali includono:

Colpa

Alcune persone che temono che la masturbazione sia in conflitto con le loro convinzioni religiose, spirituali o culturali possono provare sentimenti di colpa. Tuttavia, la masturbazione non è immorale o sbagliata, e il piacere di sé non è vergognoso.

Discutere di sensi di colpa con un amico, un operatore sanitario o un terapeuta specializzato in salute sessuale potrebbe aiutare una persona a superare i sentimenti di colpa o vergogna che si connettono con la masturbazione.

Diminuzione della sensibilità sessuale

L'uomo e la donna a letto sembrano sconvolti, hanno problemi di intimità sessuale.
Tecniche di masturbazione aggressive o eccessive possono portare a una ridotta sensibilità sessuale.

Se gli uomini hanno un metodo di masturbazione aggressivo che comporta una presa troppo stretta sul loro pene, possono sperimentare una sensazione diminuita. Un uomo può risolvere questo nel tempo con un cambiamento di tecnica.

Una stimolazione potenziata, come l’uso di un vibratore, può aumentare l’eccitazione e la funzione sessuale complessiva sia negli uomini che nelle donne.

Le donne che usano un vibratore hanno riportato un miglioramento della funzione sessuale e della lubrificazione, mentre gli uomini hanno sperimentato un miglioramento della funzione erettile.

Cancro alla prostata

La giuria è fuori se la masturbazione aumenta o diminuisce il rischio di cancro alla prostata. I ricercatori devono condurre più studi prima di poter raggiungere una conclusione.

Uno studio del 2003 ha dimostrato che gli uomini che eiaculavano più di cinque volte alla settimana durante i 20 anni avevano un terzo in meno di probabilità di sviluppare un cancro alla prostata aggressivo rispetto a quelli che eiaculavano meno spesso.

I ricercatori ipotizzano che il rischio ridotto fosse dovuto al fatto che l’eiaculazione frequente può prevenire l’accumulo di agenti cancerogeni nella ghiandola prostatica.

Un legame simile tra eiaculazione frequente e un minor rischio di cancro alla prostata è stato scoperto in uno studio del 2016. I ricercatori hanno scoperto che gli uomini che eiaculavano 21 volte al mese o più avevano un rischio ridotto di sviluppare il cancro alla prostata.

Al contrario, uno studio del 2008 ha rilevato che una frequente attività sessuale durante gli anni ’20 e’ 30 di un uomo aumentava il rischio di cancro alla prostata, specialmente se si masturbava regolarmente.

Interrompere la vita quotidiana

In rari casi, alcuni individui possono masturbarsi più di quanto desiderano, che può:

  • causare loro di perdere il lavoro, di scuola o di importanti eventi sociali
  • interrupt di una persona il funzionamento quotidiano
  • riguardano la loro responsabilità e relazioni
  • servire come fuga da problemi di relazione o di sostituzione di esperienze di vita reale

Qualcuno che pensa che potrebbe essere influenzato negativamente da loro masturbazione pratica dovrebbe parlare con un professionista sanitario.

Un medico o un consulente può suggerire una terapia di conversazione per determinare i modi in cui potrebbero gestire il loro comportamento sessuale.

Consultare un terapista sessuale può anche aiutare con strategie di coping per eccessiva masturbazione. Per individuare un terapista sessuale locale, una persona può visitare l’American Association of Sexuality Educators, Counselors, and Therapists (AASECT).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.