Il pollo biologico vale il prezzo?

Di Mitch Lipka

6 min Leggi

(Reuters) – Solo perché un pollo è etichettato come “biologico” non significa che l’uccello nel piatto abbia vissuto una vita agricola bucolica prima di cucinarlo.

polli ruspanti loro stand in coop a Grassington Farm, vicino a Lewes nel sud dell’Inghilterra, 22 febbraio 2006.

Per essere ufficialmente chiamato “biologico”, l’animale deve essere alimentato con alimenti biologici (coltivati senza pesticidi), non ricevere antibiotici e avere accesso all’aria aperta.

Mentre un intero, generico pollo negozio di marca in genere costa circa $1.50 per libbra, il prezzo per il pollo biologico è di Trader 2.69 una libbra a Trader Joe’s, la catena di alimentari degli Stati Uniti, e $4.99 per libbra da online grocer Fresh Direct. Whole Foods vende disossate, senza pelle petto di pollo biologico per 8 8.99 per libbra. E non è insolito pagare più di $10 per libbra per petti di pollo biologici simili in macellerie di lusso.

Quindi cosa c’è dietro il costo del pollo biologico? Stai ricevendo quello che pensi di pagare un premio per?

DECIFRARE LE ETICHETTE

Oltre l’etichetta “biologico”, i pacchetti di pollo che pretendono di essere più naturali del normale pollo potrebbero portare uno dei seguenti termini: naturale, senza antibiotici, allevati in fattoria, freschi, senza gabbia, senza ormoni e senza allevamento. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha imposto alcune regole sull’uso di questi termini.

Tuttavia, la gamma di possibilità è ampia e le varie distinzioni possono essere “bastardizzate”, afferma Ariane Daguin, fondatrice di D’Artagnan, un’azienda di carne di fascia alta.

Una cosa è avere polli “ruspanti” che vivono in una penna affollata con un piccolo cancello aperto, e un’altra è avere un ambiente spazioso con un notevole accesso all’aperto per gli uccelli, dice.

Questo perché alcuni dei termini dell’etichetta sono di scarso valore per i consumatori.

* “Naturale” significa che non ci sono ingredienti artificiali o conservanti. Tale affermazione può essere fatta per la maggior parte del pollo venduto nei negozi di alimentari.

* “Senza ormoni” ha ancora meno significato poiché gli ormoni non sono legalmente ammessi nel pollame. Lo stesso vale per “allevati in fattoria”, dal momento che quasi ogni pollo venduto viene allevato in una fattoria.

* “Antibiotico-free” ha significato per coloro che sono preoccupati per il consumo di un animale trattato con antibiotici. Un pollo biologico non può essere trattato con antibiotici.

* “Fresco” significa che il pollo non è mai stato raffreddato al di sotto di 26 gradi Fahrenheit (-3 gradi Celsius).

* “ruspante” è preso da molti per significare che i polli vagano liberi in un pascolo, ma legalmente significa solo che hanno accesso all’esterno.

È MEGLIO?

Mentre alcuni consumatori dicono che il pollo biologico è più sano e ha un sapore migliore, non è necessariamente vero.

Il problema del gusto, in particolare, può essere difficile da discernere. È facile distinguere il latte biologico dal latte non biologico. La carne di manzo nutrita con erba si distingue in particolare tra gli intenditori. Pollo, tuttavia, è più difficile essere altezzoso circa.

” Devi avere un palato scandaloso per distinguere tra un uccello biologico e un altro uccello”, dice lo chef di Dallas Otto Borsich.

Giudicare dagli sguardi potrebbe essere la parte più difficile. Il pollo non biologico in realtà sembrerà spesso più grassoccio perché quei polli sono alimentati con una dieta massimizzata per la crescita, dice Borsich. E qualsiasi pollo, biologico o no, che viene lavorato con acqua può finire per conservarne alcuni, il che aggiungerà al prezzo e diminuirà il gusto. La chiave per evitare questo è cercare il pollo contrassegnato come” raffreddato ad aria”, dice Daguin.

È PIÙ SANO?

Per quanto riguarda la questione della salute, c’è spazio per il dibattito. Uno studio della Stanford University non ha trovato evidenti benefici per la salute nel mangiare biologico. D’altra parte, lo studio non ha respinto i forti sentimenti che molti consumatori biologici hanno sull’evitare antibiotici e residui di pesticidi.

“Se i prodotti organici valgono la differenza di prezzo dipende dal fatto che tu pensi che sia importante avere cibo allevato con meno pesticidi e senza antibiotici. Lo faccio”, dice Marion Nestle, esperta di cibo negli Stati Uniti e professore nel Dipartimento di nutrizione, studi alimentari e salute pubblica della New York University. “Il gusto è anche personale. Penso che il pollo biologico abbia un sapore migliore. Dovrebbe. Devono essere curati con più attenzione per sopravvivere a non essere trattati con antibiotici.”

Seguendo l’esempio di Nestlé e altri esperti alimentari, i consumatori più attenti alla salute stanno scavando nei loro portafogli per acquistare cibo biologico. Secondo l’Organic Trade Association, le vendite statunitensi di pollame, manzo e pesce biologici sono aumentate del 11% nel 2013.

Eppure il pollo biologico rappresenta ancora meno dell ‘ 1% della quota di mercato complessiva in un settore da billion 30 miliardi, secondo il National Chicken Council con sede a Washington.

Per alcuni consumatori, il differenziale di prezzo per il pollo biologico sembra valerne la pena, anche se le ragioni sono intangibili.

Sembra la cosa giusta da fare, afferma Jordan Platts. Il 24enne di Orlando, in Florida, che lavora nella gestione patrimoniale, dice che guardare alcuni documentari e conoscere ciò che può essere alimentato o iniettato nei polli convenzionali lo ha reso abbastanza preoccupato per la sua salute sei mesi fa per iniziare a spendere un paio di dollari extra per libbra su pollo biologico.

John Kennedy, 58 anni, che gestisce un’attività di Chicago chiamata Combat Brain Training, dice che la sua decisione di acquistare pollo biologico è ben informata. “Dopo lotti o ricerche, abbiamo deciso di acquistare solo polli biologici e allevati all’aperto. Non solo per l’assenza di additivi, ma perché la dieta è molto più nutriente, che ci passa.”

(Questa storia è stata rifilata per correggere l’ortografia del palato nel 16 ° paragrafo)

Seguici @ReutersMoney orhere; Editing di Beth Pinsker, Lauren Young e Paul Simao

I nostri standard: I principi Thomson Reuters Trust.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.