Impianti cocleari

Mentre gli apparecchi acustici sono la soluzione più comunemente utilizzata per le persone con perdita dell’udito, alcune persone sono meglio servite da impianti cocleari.

Un ragazzo indossa un impianto cocleare.
Impianti cocleari possono aiutare i bambini
imparare la parola e le competenze linguistiche.
Immagine gentilmente concessa da Oticon Medical.

Che cos’è un impianto cocleare?

Gli impianti cocleari sono dispositivi medici complessi che funzionano in modo diverso rispetto agli apparecchi acustici. Piuttosto che amplificare il suono—che aiuta una persona con capacità uditiva residua—un impianto cocleare fornisce il senso del suono stimolando direttamente il nervo uditivo.

Gli impianti cocleari non curano la perdita dell’udito o ripristinano l’udito, ma forniscono un’opportunità per i non udenti o i sordi di percepire la sensazione del suono bypassando l’orecchio interno danneggiato.

A differenza degli apparecchi acustici, richiedono l’impianto chirurgico.

Gli impianti cocleari non curano la perdita dell’udito o ripristinano l’udito, ma aiutano le persone con perdita uditiva profonda o totale a percepire la sensazione del suono.

Altro: Qual è la differenza tra un apparecchio acustico e un impianto cocleare?

Chi è un candidato per un impianto cocleare?

Le seguenti sono linee guida generali; la candidatura dipende anche da molti altri fattori. Per determinare se voi o una persona cara potreste beneficiare di un impianto cocleare, consultate il vostro audiologo, medico ORL o audioprotesista.

Bambini

I bambini con perdita dell’udito di appena 12 mesi possono beneficiare di un impianto cocleare. Gli esperti raccomandano l’impianto il prima possibile per esporre i bambini ai suoni durante il periodo critico di acquisizione del linguaggio. Dopo l’impianto, devono sottoporsi a un’intensa terapia del linguaggio e del linguaggio per ottenere il miglior risultato possibile dal dispositivo.

I bambini sono considerati candidati validi quando:

  • Hanno una profonda perdita dell’udito in entrambe le orecchie.
  • Ottenere poco o nessun beneficio attraverso l’uso di apparecchi acustici.
  • Sono sani e qualsiasi condizione medica non comprometterebbe la chirurgia.
  • Capire (quando è in grado), insieme ai loro genitori, il loro ruolo nell’uso di successo degli impianti cocleari.
  • Hanno il supporto di un programma educativo che metterà in risalto lo sviluppo delle capacità uditive.

Adulti

Gli adulti possono beneficiare dell’impianto cocleare indipendentemente dal fatto che abbiano perso l’udito prima o dopo aver appreso la lingua. Gli adulti che hanno sviluppato il linguaggio prima di perdere l’udito (postlingually assordato) in genere hanno un successo maggiore con gli impianti cocleari rispetto a quelli che non avevano sviluppato il linguaggio prima di perdere l’udito (prelingually assordato). I candidati adulti sono generalmente eleggibili per un impianto se:

  • Hanno una grave o profonda perdita dell’udito in entrambe le orecchie.
  • Ottenere poco o nessun beneficio da apparecchi acustici.
  • Non hanno problemi medici che potrebbero metterli a rischio durante l’intervento chirurgico.
  • Hanno un forte desiderio di essere parte del mondo dell’udito e comunicare attraverso l’ascolto, parlare e speechreading.

Che dire degli anziani?

Sì, anche gli adulti più anziani possono assolutamente ottenere impianti cocleari. Infatti, l’età media di un destinatario di impianto cocleare è 65. Per saperne di più: Anziani e impianti cocleari.

Come funzionano gli impianti cocleari?

Schema di esterni e interni impianto cocleare posizionamento dietro e in un orecchio
Schema di impianto cocleare

Un impianto cocleare che opera con due componenti principali: Una parte esterna che ganci sopra l’orecchio e impiantato chirurgicamente la parte interna. I due componenti sono accoppiati utilizzando un potente magnete.

Esterno

Il componente esterno di un impianto cocleare contiene un microfono, un processore vocale e un trasmettitore. Il microfono e il processore vocale sono alloggiati in una piccola unità che sembra un apparecchio acustico dietro l’orecchio. Un piccolo filo di solito li collega al trasmettitore, che è posizionato sopra la parte interna del dispositivo. Il microfono raccoglie i suoni acustici e lo invia al processore vocale. Il processore analizza e digitalizza il segnale prima di inviarlo al trasmettitore. Il trasmettitore codifica quindi i segnali e li invia al ricevitore impiantato tramite l’accoppiamento magnetico.

Interno

La parte interna di un impianto cocleare comprende un ricevitore, che si trova sotto la pelle sull’osso temporale, e uno o più array di elettrodi. Il ricevitore raccoglie i segnali dal trasmettitore e li converte in impulsi elettrici. Quindi invia gli impulsi agli elettrodi che sono stati inseriti profondamente nell’orecchio interno. Questi elettrodi stimolano direttamente il nervo uditivo in tutta una porzione della coclea e il cervello poi interpreta questi segnali come suono.

Qual è il processo per ottenere un impianto?

Per determinare se voi o una persona cara è idoneo per un impianto, è necessario prima sottoporsi a test audiologici e psicologici, un esame medico e studi di imaging. È inoltre possibile ricevere consulenza per assicurarsi di comprendere il grande impegno di follow-up richiesto dopo l’intervento chirurgico implantare, nonché cosa aspettarsi per quanto riguarda le prestazioni del dispositivo e le limitazioni.

Chirurgia implantare cocleare

Dopo quel passaggio, il passo successivo è di solito la chirurgia dell’impianto, che viene eseguita in anestesia generale. In genere ci vogliono tra due e quattro ore e la maggior parte delle persone trascorrono una notte in ospedale. La persona non sarà ancora in grado di sentire. Sebbene i componenti interni siano stati posizionati, il sito chirurgico deve guarire prima che venga posizionato il dispositivo esterno.

Montaggio

Circa quattro-sei settimane dopo l’intervento, il paziente tornerà al centro di impianto cocleare per essere dotato del dispositivo esterno. A questo appuntamento, l’audiologo attiverà l’impianto cocleare e inizierà il processo di mappatura del processore per le esigenze specifiche dell’individuo. Quando l’impianto cocleare è “acceso”, questa è la prima volta che molti bambini e adulti sperimentano il suono. Sia che si senta prima la voce di un coniuge, la propria voce, la voce di un genitore o l’audiologo, è una pietra miliare emotiva e memorabile per il paziente o il genitore.

Fine-tuning

Questo primo appuntamento sarà seguito da altri fine-tuning e aggiustamenti alla mappa dell’impianto cocleare mentre il paziente inizia il suo nuovo percorso uditivo. Molte persone hanno bisogno di diverse visite di follow-up nel corso di un paio di mesi per regolare la mappatura dei segnali agli elettrodi, così come per aiutare la persona abituarsi al suo dispositivo. Soprattutto per coloro che non hanno mai sentito il suono prima, è necessario un programma di allenamento uditivo per aiutare il cervello a imparare come elaborare la nuova stimolazione uditiva. Proprio come gli apparecchi acustici, le persone vorranno programmare visite regolari con il loro audiologo per aggiustamenti occasionali e test dell’udito.

Gli impianti cocleari sono coperti da assicurazione?

In molti casi, gli impianti cocleari sono coperti da Medicare o Medicaid e da molti assicuratori privati e commerciali. La copertura può variare ampiamente, e i pazienti possono ancora essere responsabili di significativi costi out-of-pocket. La maggior parte dei chirurghi che eseguono impianti cocleari hanno dedicato esperti di assicurazione sul personale che può aiutare i pazienti a capire e navigare piani individuali e rispondere alle domande. Gli impianti cocleari possono richiedere un’autorizzazione preventiva per consentire all’assicurazione di ritirare la scheda.

Medicare

Gli impianti cocleari sono coperti dalla disposizione legale Medicare benefit per i dispositivi protesici. Medicare ha una politica di lunga data di fornire copertura per gli impianti cocleari quando il paziente soddisfa i criteri di copertura e indipendentemente dal fatto che l’impianto sia unilaterale o bilaterale (un orecchio o entrambe le orecchie). Medicare regole di rimborso, tuttavia, sono complesse e possono cambiare.

Rischi di impianti cocleari

Come per qualsiasi procedura chirurgica che coinvolge un dispositivo medico impiantato, ci sono dei rischi. Secondo la FDA, includono:

  • lesioni al nervo facciale,
  • infezione,
  • vertigini o tinnito,
  • intorpidimento,
  • cambiamenti nel gusto e
  • molti altri possibili effetti avversi elencati qui.

Produttori di impianti cocleari

Negli Stati Uniti, Cochlear Americas, Advanced Bionics e Med-El sono i principali fornitori di impianti cocleari. Nell’UE, Oticon Medical fornisce anche impianti cocleari. Il medico ORL e l’audiologo ti consiglieranno il miglior impianto cocleare, in base ai risultati degli esami dell’udito e alle considerazioni anatomiche.

Cosa sono gli impianti cocleari ibridi?

Cochlear ora fa un design ibrido, che stimola solo la coclea nelle alte frequenze per le persone che hanno perdita dell’udito ad alta frequenza. Questi dispositivi funzionano meglio per le persone con ipoacusia da grave a profonda alle alte frequenze, ma che hanno ancora alcune capacità uditive residue a bassa frequenza. Il primo impianto cocleare ibrido è stato approvato dalla FDA nel marzo 2014.

Per ulteriori informazioni

Se siete interessati a saperne di più su se si potrebbe essere un buon candidato per l’impianto cocleare, parlare con un medico ORL o audiologo per un rinvio a un centro di impianto cocleare.

Joy Victory, managing editor, Healthy Hearing

Joy Victory

Joy Victory

Joy Victory ha una vasta esperienza nella modifica delle informazioni sulla salute dei consumatori. La sua formazione in particolare si è concentrata su come comunicare al meglio le linee guida mediche basate sull’evidenza e i risultati degli studi clinici al pubblico. Si sforza di rendere i contenuti sanitari accurati, accessibili e coinvolgenti per il pubblico.Per saperne di più su Joy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.