Invecchiamento cutaneo

Che cos’è l’invecchiamento cutaneo?

Esistono due tipi di processi di invecchiamento: invecchiamento intrinseco ed estrinseco.

  • L’invecchiamento intrinseco o cronologico colpisce la pelle di tutto il corpo, compresi i siti protetti dal sole.
  • L’invecchiamento estrinseco è indotto dall’esposizione cronica alle radiazioni ultraviolette (UV), dal fumo e da altri inquinanti e si sovrappone al processo intrinseco di invecchiamento.
Segni dell’invecchiamento cutaneo

Chi influisce sull’invecchiamento cutaneo?

L’invecchiamento intrinseco colpisce tutti, qualunque sia il loro tipo di pelle. L’invecchiamento estrinseco colpisce le persone che sono cronicamente esposte alla luce solare — questo è noto come danno solare o fotoinvecchiamento. Le persone che in genere presentano segni marcati di fotoinvecchiamento includono coloro che:

  • Hanno Fitzpatrick sole-reattiva tipi di pelle, I-II (rosse e i capelli biondi e gli occhi blu)
  • Vivono ai tropici o subtropicali
  • Vivere in alta quota
  • Lavorare all’aperto o trascorrere lunghi periodi all’aperto per il tempo libero
  • a volte Sono stati esposti a sorgenti artificiali di radiazioni UV, come la coperta di abbronzatura
  • Avere una predisposizione genetica per l’invecchiamento precoce (ad esempio, la progeria, che è raro).

L’invecchiamento precoce della pelle colpisce anche i fumatori di tabacco e coloro che sono stati cronicamente esposti ad altri inquinanti ambientali.

Che cosa fa invecchiare la pelle?

L’invecchiamento intrinseco è definito dai cambiamenti clinici, istologici e fisiologici che si verificano nelle aree cutanee protette dal sole degli individui più anziani. L’invecchiamento intrinseco può essere aggravato da altri fattori ambientali.

Radiazione ultravioletta

La radiazione UV attacca l’integrità della pelle.

  • Provoca migliaia di alterazioni nel DNA di ogni cellula ogni giorno.
  • Il modello multi-hit, che è stato proposto per descrivere come la radiazione UV interagisce con i componenti della matrice extracellulare, provoca la deposizione di una matrice disorganizzata ricca di fibre elastiche (elastosi solare).

Menopausa

I segni dell’invecchiamento intrinseco iniziano intorno ai 50-60 anni di età. Le donne sviluppano questi segni prima degli uomini, il che è attribuito a una diminuzione degli effetti protettivi degli estrogeni durante la menopausa.

Fumo

Il fumo espone la pelle a diversi fattori dannosi.

  • La nicotina restringe i vasi sanguigni e il flusso sanguigno, riducendo la quantità di ossigeno e sostanze nutritive che raggiungono le cellule.
  • Molti altri prodotti chimici nel fumo di tabacco aumentano i MMP dermici e degradano il collagene e l’elastina.
  • Il calore delle sigarette bruciate e i movimenti muscolari facciali associati al fumo contribuiscono alle rughe.
  • Sostanze chimiche come nitrosammine e catrame sono cancerogene.

Nutrizione

La nutrizione è nota per influenzare l’invecchiamento estrinseco.

  • Frutta, verdura, legumi, erbe e tè contengono composti antiossidanti.
  • Livelli più elevati di vitamina C e un aumento dell’assunzione di acido linoleico sono stati associati a una diminuzione delle rughe, della secchezza e dell’atrofia della pelle.
  • In uno studio nutrizionale che ha reclutato soggetti greci, australiani e svedesi, la resilienza al fotoinvecchiamento è stata associata a una maggiore assunzione di verdure, olio d’oliva, pesce e legumi come chicpeas, fagioli, piselli e lenticchie e una minore assunzione di margarina, zucchero e latticini.
  • Una maggiore assunzione di grassi e carboidrati è stata associata ad un aumentato rischio di rughe e atrofia cutanea.
  • La vitamina A, che può essere applicata localmente (vedi la nostra pagina Retinoidi topici), è stata osservata per diminuire la produzione di MMPS.
  • Il consumo di olio di pesce può anche conferire una certa protezione solare.

Disfunzione immunitaria

L’invecchiamento cutaneo può essere un sintomo di malattie da immunodeficienza, agenti immunosoppressivi e stress psicologico cronico.

Quali sono le caratteristiche cliniche dell’invecchiamento cutaneo?

Invecchiamento intrinseco

La pelle intrinsecamente invecchiata appare secca e pallida, liscia, sottile, trasparente e senza macchia.

  • È finemente rugosa, a causa di forze gravitazionali e conformazionali che determinano come le proteine sono piegate.
  • Rilassamento cutaneo o lassità possono verificarsi con il movimento del corpo, a causa della perdita di elasticità.
  • I gradi di pigmentazione nella pelle intrinsecamente invecchiata sono molto lievi e regolari rispetto alla pelle fotoinvecchiata.
  • La pelle invecchiata tende a sviluppare una varietà di neoplasie benigne, come l’iperplasia sebacea e gli angiomi di ciliegia.
  • I tumori della pelle sono meno comuni nella pelle intrinsecamente invecchiata rispetto alla pelle estrinsecamente invecchiata.
  • La superficie della pelle mantiene motivi geometrici giovanili.
Segni di invecchiamento intrinseco

Invecchiamento estrinseco

L’invecchiamento estrinseco, come il fotoinvecchiamento, è correlato a fattori ambientali. L’invecchiamento estrinseco è stato segnalato per la prima volta alla fine del 19 ° secolo, ed è stato poi descritto come “pelle di contadino” o “pelle di marinaio”.

  • L’invecchiamento estrinseco colpisce le aree del corpo abitualmente esposte, come il viso, il collo e le braccia dell’individuo.
  • Le caratteristiche del photodamage includono rugosità, sallowness, rughe profonde, dispigmentazione, porpora senile, telangiectasia e lo sviluppo di una varietà di lesioni cutanee benigne e maligne.
  • Le lesioni iperpigmentate includono screziature diffuse, lentiggini, lentiggini e cheratosi seborroiche piatte.
  • Le rughe profonde si trovano solitamente sulla fronte dell’individuo e nella regione peri-orbitale.

I cambiamenti cutanei indotti dal sole variano considerevolmente tra gli individui, riflettendo differenze intrinseche nella vulnerabilità all’esposizione al sole e nella capacità di riparazione. Anche tra i caucasici, l’aspetto della pelle fotoinvecchiata di individui con fototipi cutanei I–III spesso differisce da quello degli individui con fototipi cutanei IV–VI.

Fitzpatrick i fototipi cutanei

tipo di Pelle per il colore della Pelle Effetto dei raggi UV
I Bianco o eruzione della pelle Si scotta sempre
II Bianco pelle di Solito brucia, si abbronza poco
III Olive pelle a Volte si brucia un eufemismo, gradualmente si abbronza
IV marrone chiaro pelle Raramente si brucia, si abbronza facilmente
V colore marrone Scuro pelle Molto raramente si brucia, si abbronza molto facilmente
VI pelle Nera Non brucia, si abbronza molto facilmente

Etnia

Il grado di fotoinvecchiamento è significativamente influenzato da un individuo di etnia e Fitzpatrick fototipo. Gli individui dalla pelle chiara di discendenza nordeuropea (fototipi Fitzpatrick I-III) sono più inclini al fotoinvecchiamento rispetto agli individui con pelle di colore (fototipi Fitzpatrick IV–VI, che includono persone di discendenza africana, afroamericana, asiatica e latina o ispanica), con melanina che offre protezione contro i danni indotti dal sole.

Fotoinvecchiamento ipertrofico e atrofico

Nei caucasici bianchi, il fotoinvecchiamento facciale grave tende a provocare due fenotipi:

  • Fotoinvecchiamento ipertrofico — questo è caratterizzato da solchi profondi e un aspetto coriaceo
  • Fotoinvecchiamento atrofico — questo è caratterizzato da telangiectasia, un aspetto liscio, relativamente non increspato e lo sviluppo di una varietà di lesioni cutanee benigne e maligne.

Gli individui con fototipi di Fitzpatrick III (e, in una certa misura, la pelle del fototipo IV) tendono a mostrare risposte ipertrofiche; mentre quelli con fototipi I e II tendono verso il fenotipo atrofico.

Features Atrophic photoageing Hypertrophic photoageing
Wrinkling Minimal Coarse, deep
Texture Smooth, thin Rough, leathery
Appearance Shiny skin Sallow skin
Pigmentation Focal depigmentation Dyspigmentation
Vasculature Telangiectasia and senile purpura are common Minimal, or absent, vascular changes
Dysplastic changes Actinic keratoses, basal cell carcinomas, and squamous cell carcinomas are common Actinic keratoses, basal cell carcinomas, and squamous cell carcinomas are uncommon
Other Poikiloderma of Civatte Associated with Favre-Racouchot syndrome

Signs of extrinsic photoageing

Dermatoporosis

Dermatoporosis is a term used to describe chronic cutaneous insufficiency and fragility associated with both intrinsic and extrinsic ageing. Le caratteristiche della dermatoporosi includono:

  • Fragilità e atrofia della pelle
  • Porpora senile
  • Pseudoscar stellate (chiazze bianche a forma di stella)
  • Ulcere atrofiche non cicatrizzanti
  • Ematomi dissecanti (lividi che si diffondono sotto la pelle)
  • Ritardata guarigione delle ferite.
Segni di dermatoporosi

Come si diagnostica l’invecchiamento cutaneo?

Le caratteristiche dell’invecchiamento cutaneo sono diagnosticate clinicamente. Lesioni sospette di cancro della pelle presenti come grumi crescenti o piaghe che non riescono a guarire. Tali lesioni sono spesso sottoposti a biopsia diagnostica prima o come parte del trattamento.

Come trattiamo l’invecchiamento cutaneo?

Lesioni cancerose e precancerose

  • Le cheratosi attiniche e i carcinomi a cellule squamose intraepidermiche (SCC) sono più spesso rimossi dalla crioterapia o trattati localmente.
  • Il carcinoma a cellule basali (BCC) viene spesso rimosso con un intervento chirurgico minore. Il BCC superficiale può essere trattato localmente o mediante crioterapia.
  • La SCC cutanea e il melanoma sono quasi sempre asportati chirurgicamente.

Pelle secca e scolorita

  • Idratanti contribuiranno a migliorare la pelle secca e squamosa.
  • Alfa idrossi acidi, vitamina C, acido lipoico, isoflavoni di soia o creme retinoidi applicate regolarmente a lungo termine riducono la secchezza. Possono anche ridurre il numero di rughe sottili e uniformare la pigmentazione.
  • Molti altri prodotti sono sotto inchiesta, ma i loro benefici non sono chiari.

Ringiovanimento del viso

Le procedure che mirano a ringiovanire la pelle fotoinvecchiata includono:

  • Filler (ad esempio, l’acido ialuronico, il politetrafluoroetilene e innesti di grasso) per mascherare l’espressione sul viso di linee
  • iniezioni di tossina Botulinica per ridurre accigliato e diminuire profondi solchi
  • Vascolare trattamento laser e scleroterapia (l’iniezione di agente infiammatorio in vene) per rimuovere le vene del viso e angiomi
  • Resurfacing procedure (ad esempio, la dermoabrasione, peeling chimici e laser resurfacing)
  • chirurgia estetica per rimuovere ridondante cedimenti della pelle, tra cui chirurgico o laser blefaroplastica per larghi palpebre, e meloplasty (face lift) per serrare le mascelle.

Come prevenire l’invecchiamento cutaneo?

L’invecchiamento intrinseco è inevitabile. Nelle donne perimenopausa, la sostituzione ormonale sistemica può ritardare l’assottigliamento della pelle; la pelle è meno secca, con meno rughe e la guarigione delle ferite è più veloce rispetto a prima del trattamento. La sostituzione ormonale è meno efficace nel migliorare l’invecchiamento della pelle nei decenni postmenopausali. Gli effetti degli estrogeni topici, dei fito-estrogeni e delle progestine sono in fase di studio.

La protezione dai raggi UV solari è essenziale a tutte le età. Ci sono diverse misure che possono essere adottate per ridurre al minimo o evitare l’esposizione ai raggi UV.

  • Essere consapevoli dei livelli di indice UV giornalieri. In Nuova Zelanda, attenersi ai consigli forniti dall’avviso di protezione solare.
  • Evitare attività all’aria aperta durante la metà della giornata.
  • Indossare indumenti di protezione solare (ad esempio, un cappello a tesa larga, maniche lunghe e pantaloni o gonne).
  • Applicare un fattore di protezione solare molto elevato (SPF > 30), filtri solari ad ampio spettro sulla pelle esposta.
  • Non fumare e, ove possibile, evitare l’esposizione a sostanze inquinanti.
  • Fai un sacco di esercizio — le persone attive appaiono più giovani delle persone inattive.
  • Mangiare frutta e verdura ogni giorno.

Molti integratori orali con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie sono stati sostenuti per ritardare l’invecchiamento cutaneo e migliorare la salute della pelle. Questi includono carotenoidi; polifenoli; clorofilla; aloe vera; vitamine B, C ed E; ginseng rosso; squalene; e acidi grassi omega-3. Il loro ruolo nella lotta contro l’invecchiamento cutaneo non è chiaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.