Joe Biden

Joe Biden (1942-), un uomo che ha trascorso quasi mezzo secolo nel servizio pubblico come senatore e vicepresidente, e che ha subito una profonda perdita familiare, è diventato il 46 ° presidente degli Stati Uniti il 20 gennaio 2021.

La presidenza di Biden ha seguito un’elezione altamente controversa effettuata durante una pandemia, una resa dei conti nazionale sull’ingiustizia razziale e un approfondimento della divisione politica nel paese. Anche nel bel mezzo della pandemia di COVID-19, Biden ha vinto oltre 81 milioni di voti popolari – la maggior parte negli Stati Uniti. storia delle elezioni presidenziali-mentre il suo avversario, il presidente Donald Trump, ha vinto più di 74 milioni. Poco più di una settimana prima dell’inaugurazione di Biden, una folla di estremisti ha preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti in nome di Trump, che aveva fatto affermazioni infondate di aver vinto le elezioni del 2020. Cinque persone, tra cui un agente di polizia, sono morte in seguito all’insurrezione e la Camera dei Rappresentanti ha votato per mettere sotto accusa Trump per la seconda volta.

Biden è entrato in carica al fianco di Kamala Harris, che è diventata la prima donna e donna di colore a servire come vice presidente degli Stati Uniti. All’età di 78 anni, Biden è il più anziano degli Stati Uniti. presidente nella storia.

Prima della sua corsa per la più alta carica della nazione. Biden servito 36 anni come senatore degli Stati Uniti dal Delaware e ha continuato a servire come vice presidente degli Stati Uniti con il presidente Barack Obama. Come vice presidente per due mandati, Biden si è concentrato in gran parte su questioni economiche e di politica estera.

In una dichiarazione video di aprile 2019 che annunciava la sua offerta per la presidenza, Biden ha caratterizzato le elezioni americane del 2020 come una “battaglia per l’anima di questa nazione.”

I primi anni di Joe Biden

Joseph Robinette Biden Jr. è nato il 20 novembre 1942, nella città dei colletti blu di Scranton, in Pennsylvania. All’età di 10 anni si trasferì con la sua famiglia nella zona di Wilmington, nel Delaware, dove suo padre trovò lavoro come venditore di auto. Il primo di quattro fratelli, Biden ha frequentato una serie di scuole cattoliche, tra cui l ” elite preparatory high school Archmere Academy. Sebbene eccellesse nello sport, Biden ricevette voti mediocri e lottò con una balbuzie. Nel 1965 si è laureato presso l’Università del Delaware con una doppia specializzazione in storia e scienze politiche, e tre anni dopo ha conseguito una laurea in legge presso la Syracuse University. Nel frattempo, nel 1966, Biden sposò Neilia Hunter, con la quale avrebbe avuto tre figli.

Dopo aver terminato la scuola di legge, Biden tornò nella zona di Wilmington e lavorò come avvocato per i successivi quattro anni. Nel 1970 vinse la sua prima elezione al Consiglio della contea di New Castle. Poi, due anni dopo, all’età di 29 anni ha tirato fuori un sorprendente sconvolgimento del repubblicano incumbent J. Caleb Boggs in una corsa per il Senato degli Stati Uniti. La tragedia ha colpito, tuttavia, prima di giurare come il quinto più giovane senatore nella storia degli Stati Uniti. Quel dicembre, sua moglie e la figlia di 13 mesi sono stati uccisi ei suoi due figli sono stati ricoverati in ospedale quando un trattore-rimorchio arato nella loro station wagon. Piuttosto che trasferirsi a Washington, D. C., un Biden devastato ha deciso di fare i pendolari in treno ogni giorno in modo da poter trascorrere più tempo con i suoi figli. Biden si risposò nel 1977 con l’insegnante Jill Jacobs, con la quale avrebbe avuto un’altra figlia.

PER SAPERNE DI PIÙ: Joe Biden: L’incidente d’auto straziante che ha ucciso la moglie e la figlia

Senatore Biden e prima corsa presidenziale

Nel settembre del 1988, poi il senatore Joe Biden visto sulla piattaforma a Wilmington, Delaware. Stava tornando a lavorare in Senato dopo aver subito un aneurisma, che era in pericolo di vita.

Joe McNally/Getty Images

Biden vinse la rielezione nel 1978 e cinque volte dopo. Nel complesso, ha trascorso 36 anni negli Stati Uniti. Senato, di cui otto anni come presidente della Commissione Giustizia e quattro anni come presidente della Commissione Relazioni estere. Nonostante sostenga generalmente i diritti civili, Biden si oppose al busing forzato degli studenti per porre fine alla segregazione di fatto. Più tardi, ha presieduto le controverse udienze di conferma dei candidati alla Corte Suprema degli Stati Uniti Robert Bork e Clarence Thomas. (Bork è stato infine respinto dal Senato, mentre Thomas è stato strettamente approvato.)

Biden ha anche lavorato per preservare il clima aziendale favorevole del Delaware, legiferato contro la violenza domestica e realizzato un disegno di legge anti-crimine che prevedeva 100.000 poliziotti in più per le strade della nazione, vietato le armi d’assalto e imposto pene più severe per gli spacciatori di droga. Noto per il suo lavoro di politica estera, il senatore ben viaggiato presumibilmente chiamato leader serbo Slobodan Milosevic un criminale di guerra al suo volto durante una visita 1993 a Belgrado. Quasi un decennio dopo, Biden ha votato per autorizzare l’uso della forza in Iraq. Ciò nonostante, alla fine divenne un critico del modo in cui George W. L’amministrazione Bush ha gestito il conflitto.

Avendo raccolto una solida quantità di denaro per la campagna, Biden lanciò la sua prima candidatura presidenziale nel giugno 1987. Durante la campagna elettorale, ha preso a parafrasare il politico laburista britannico Neil Kinnock. Anche se aveva giustamente accreditato Kinnock nei discorsi precedenti, non è riuscito a farlo durante un’apparizione alla Iowa State Fair e ha persino preso in prestito fatti dalla vita di Kinnock, affermando in modo impreciso, per esempio, che è stato il primo della sua famiglia ad andare al college e che i suoi antenati erano minatori di carbone. Poco dopo, i rapporti emerso che Biden aveva allo stesso modo presumibilmente sollevato passaggi da Robert F. Kennedy e Hubert Humphrey, ed è stato catturato dalla macchina fotografica esagerando le sue credenziali accademiche. Con la sua candidatura sulla difensiva, Biden si ritirò a settembre per concentrarsi sulle udienze di Bork. Poi è crollato il febbraio successivo da un aneurisma cerebrale pericolosa per la vita, ha subito due interventi chirurgici e ha preso un congedo di sette mesi dal Senato.

Joe Biden come Vice Presidente

Biden ha dato il via al suo secondo tentativo alla Casa Bianca 20 anni dopo, durante le primarie del 2008, ma ha abbandonato dopo aver ottenuto solo l ‘ 1% dei delegati nei caucus democratici dell’Iowa. Barack Obama lo ha sfruttato per essere il suo compagno di corsa dopo aver vinto la nomination democratica. Nelle elezioni presidenziali del novembre 2008, Obama e Biden hanno battuto i loro avversari repubblicani, John McCain e Sarah Palin, con il 52,9% del voto popolare. Nel 2012 hanno sconfitto lo sfidante repubblicano Mitt Romney e il suo compagno di corsa Paul Ryan.

Dopo essere entrato in carica nel gennaio 2009 come 47 ° vicepresidente degli Stati Uniti, Biden è stato incaricato di supervisionare un pacchetto di stimoli economici da 787 miliardi di dollari, gestire una task force della classe media e rilanciare un trattato di riduzione delle armi con la Russia. Ha anche svolto un forte ruolo consultivo per quanto riguarda i conflitti in Iraq e Afghanistan. Nel 2015, il figlio maggiore di Biden, Beau, è morto di cancro al cervello, infliggendo un duro colpo a un uomo che aveva già subito tale perdita. Biden ha considerato una corsa presidenziale in 2016, ma alla fine ha deciso contro di essa.

LEGGI DI PIÙ: 9 Cose che dovresti sapere sulla Vice Presidenza

La corsa presidenziale di Joe Biden nel 2020

Il 25 aprile 2019, Biden ha annunciato la sua candidatura alle primarie presidenziali democratiche del 2020. Come un popolare ex vice presidente, è immediatamente entrato in gara con il riconoscimento di alto nome.

Biden correva al fianco di altri 28 candidati democratici in una affollata primaria che contrapponeva le politiche più moderate di Biden a quelle di candidati progressisti come Bernie Sanders ed Elizabeth Warren. Durante la sua campagna, Biden ha sottolineato il suo background operaio, disegnando un contrasto con la ricca educazione del suo avversario, il presidente Trump. Biden spesso citava suo padre che gli diceva: “La misura di un uomo non è la frequenza con cui viene abbattuto, ma la velocità con cui si alza.”

Inizialmente indietro nella corsa per la nomination democratica, Biden rimbalzò con una grande vittoria nelle primarie della Carolina del Sud alla fine di febbraio. Una parte fondamentale della vittoria di Biden in South Carolina è stata una forte dimostrazione di sostegno da parte degli elettori afroamericani nello stato. Ha poi conquistato la maggioranza dei delegati nel voto Super Martedì all’inizio di marzo.

Nel maggio 2020, quando l’uccisione di George Floyd da parte della polizia scatenò proteste a livello nazionale, Biden si recò a Houston per incontrare la famiglia di Floyd. Era il suo primo grande viaggio fuori dalla sua casa nel Delaware da quando aveva spostato la sua campagna lontano dagli eventi pubblici in mezzo alla minaccia di COVID-19. Mentre alcune proteste e la risposta della polizia alle proteste degeneravano in violenza, Biden ha chiesto giustizia razziale, ma ha anche fatto appello al paese per guarire, dicendo: “Siamo una nazione infuriata, ma non possiamo lasciare che la nostra rabbia ci consumi. Siamo una nazione esausta, ma non possiamo permettere che la nostra stanchezza ci sconfigga.”

L ’11 agosto 2020, Biden ha annunciato Kamala Harris come suo vice candidato alla presidenza, scrivendo in una nota ai sostenitori della campagna,” Ho bisogno di qualcuno che lavori al mio fianco che sia intelligente, duro e pronto a guidare. Kamala è quella persona.”Harris, un senatore della California, aveva inizialmente fatto una campagna per il suo biglietto per la presidenza e aveva sfidato Biden su questioni di razza durante i dibattiti per la nomination democratica. Con la sua selezione, Harris divenne la prima donna americana nera e asiatica ad essere nominata sul biglietto di un grande partito.

Nel periodo precedente alle elezioni, Biden e Trump hanno preso parte a due dibattiti presidenziali. Il primo, tenutosi il 29 settembre, è stato un evento caotico travolto da interruzioni, discorsi incrociati e insulti. Un secondo dibattito, tenutosi il 22 ottobre, è stato uno scambio più calmo in quanto il moderatore ha controllato un pulsante mute per mettere a tacere uno dei candidati nel caso in cui continuassero a parlare oltre il loro tempo o interrompessero l’altro.

COVID-19 e le elezioni del 2020

Un problema incombente durante le elezioni è stata la pandemia di coronavirus che aveva causato più di 230.000 vite americane e infettato più di 9 milioni nel paese. Il presidente Trump, egli stesso, è stato infettato da COVID-19 in ottobre ed è stato ricoverato al Walter Reed Medical Center, dove ha ricevuto diversi trattamenti, tra cui un anticorpo sperimentale. Un argomento centrale nella campagna di Biden era che Trump non era riuscito a guidare efficacemente nella lotta contro il virus.

La pandemia non è stata solo una questione di spicco della campagna, ma ha anche trasformato il modo in cui gli americani hanno votato nelle elezioni presidenziali. Gli Stati hanno visto un numero record di persone che hanno partecipato al voto anticipato e hanno utilizzato le schede di posta elettronica.

L’alto numero di votazioni anticipate e per corrispondenza era in parte il motivo per cui gli americani aspettavano quattro giorni per sapere quale candidato avevano eletto presidente. I risultati di voto del collegio elettorale che inizialmente sembravano positivi per il presidente Trump, spostati a favore di Biden mentre venivano contati più voti.

Entro il 7 novembre, Biden è stato dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali del 2020 dall’Associated Press e dai principali media. Nonostante il risultato, il presidente Trump ha continuato a sfidare le elezioni facendo pressione sui funzionari elettorali per trovare più voti e presentando più di 50 cause legali in tribunale statale e federale, sostenendo che c’era “una massiccia frode.”Nessuno dei tribunali ha stabilito che ci fossero prove di frodi elettorali significative. Nonostante le conclusioni del tribunale, le insistenti affermazioni di Trump e di altri secondo cui l’elezione era fraudolenta hanno alimentato l’assalto del 6 gennaio 2021 agli Stati Uniti Capitol dagli estremisti.

Al suo insediamento, Biden ha affrontato il paese sfide e le divisioni, dicendo: “Poche persone nella storia della nostra nazione sono stati più contestate o trovato un momento più impegnativo o difficile che il tempo siamo in ora…Per superare queste sfide, per ripristinare l’anima e sicuro il futuro dell’America, richiede molto di più che di parole, e richiede il più sfuggente di tutte le cose in una democrazia, l’unità.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.