nature.com

Uno degli scheletri di gatto scavati da un sito in Egitto.

Uno degli scheletri di gatto scavati da un sito in Egitto.

© Hierakonpolis Expedition

Un nuovo studio rivela alcune affascinanti intuizioni sulla storia di origine del gatto, probabilmente la creatura preferita di Internet e un compagno caro a innumerevoli esseri umani.

Il paleogenetico Claudio Ottoni e i suoi colleghi del KU Leuven e del Royal Belgian Institute of Natural Sciences hanno raccolto DNA da diversi siti archeologici nel tentativo di rintracciare le origini e rintracciare gli antichi viaggi del gatto domestico.

Gli scienziati hanno portato alla luce oltre 200 scheletri di gatti provenienti da siti in Africa, Europa e Vicino Oriente e hanno esaminato il DNA di pelle, capelli, ossa e denti felini che risalgono a tra 100 e 9.000 anni fa.

Il risultato? Una rivelazione su come i gatti dispersi nel mondo antico. Secondo lo studio, il gatto domestico che conosciamo oggi ha avuto origine nell’antico Egitto e nel Vicino Oriente.

Allora, i gatti avevano strisce, non macchie – questi ultimi ritagliati durante il Medioevo, ma non prima. Il Medioevo è anche quando il colore del mantello del gatto aveva iniziato a diventare variante.

Gli antichi felini sono stati addomesticati circa 10.000 anni fa, per lo più da agricoltori che desiderano scacciare i roditori dai loro campi. Quando i contadini si trasferirono, i gatti si trasferirono con loro. Si diffusero anche nel vecchio mondo attraverso il commercio, saltando sulle navi per proteggere le scorte dai parassiti, e saltando da un porto all’altro, coprendo infine lunghe distanze e viaggiando in lungo e in largo. Ora, il gatto domestico è presente in tutti i continenti tranne l’Antartide.

I gatti possono essere tutti ricondotti a un Felis silvestris, noto anche come il gatto selvatico africano, in origine un cacciatore selvaggio, territoriale e solitario. Sia le popolazioni del Vicino Oriente che quelle egiziane di Felis silvestris, secondo lo studio, hanno contribuito al pool genetico del gatto domestico in diversi momenti storici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.